pino

RASSEGNA LETTERARIA “LIBRI CORSARI” III EDIZIONE Presentazione del libro “Carnefici”, di Pino Aprile, (pubblicato da Edizioni Piemme)

RASSEGNA LETTERARIA “LIBRI CORSARI” III EDIZIONE Giovedì 26 gennaio 2017 ore 19.00, presso sede Polis  di Nocera Superiore, via Pecorari 61

Presentazione del libro “Carnefici”, di Pino Aprile, (pubblicato da Edizioni Piemme)

Saluti istituzionali, Mimmo Oliva (portavoce Polis)

Interventi di:

Pino Aprile (autore del libro)

Alfonso Conte (storico e docente Università Studi di Salerno)

Letture a cura di Marianna Considerato e Davide Speranza

Il libro. Pino Aprile sa. Sa tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del Sud diventassero “meridionali”. Lo ha appreso con stupore e sgomento, e lo ha raccontato in un libro spartiacque, Terroni, che ha aperto una breccia irreparabile sulla facciata del trionfalismo nazionalistico.Se mancavano ancora prove, ora le ha trovate tutte, al termine di un’incalzante e drammatica ricerca durata cinque anni. Centinaia di migliaia di persone scomparse è la cifra della strage di italiani del Sud compiuta per unificare l’Italia. Si scopre, così, di come venivano rasi al suolo paesi interi, saccheggiate le case, bruciati vivi i superstiti. Si apprende come avvenivano i rastrellamenti degli abitanti di interi villaggi, e li si sottoponeva a marce forzate di decine di chilometri, e a torture. Ci si imbatte in fucilazioni a tappeto di centinaia di persone. L’Italia “liberata” è stata nella realtà dei fatti un immenso Arcipelago Gulag, di cui ora si può ricostruire la mappa e l’organizzazione: deportazioni, campi di concentramento, epidemie.Con pagine di rara potenza, appassionate e documentate, forte di reperti e fonti, Pino Aprile svela il vero volto di molti dei presunti eroi della storia Patria, ed evidenzia le ripercussioni di questa tragedia negata e cancellata.

L’autore. Giornalista e scrittore, pugliese residente ai Castelli Romani, è stato vicedirettore di Oggi e direttore di Gente. Per la Tv ha lavorato con Sergio Zavoli all’inchiesta a puntate “Viaggio nel Sud” e al settimanale del Tg1, Tv7. È autore di saggi accolti con successo e tradotti in diversi paesi. Terroni, uscito nel 2010 e diventato un vero e proprio caso editoriale, e i successivi Giù al SudMai più terroniIl Sud puzza e Terroni ’ndernescional hanno fatto di Aprile il giornalista “meridionalista” più seguito in Italia e gli sono valsi molti premi, tra cui il Premio Carlo Levi nel 2010, il RhegiumJulii nello stesso anno e il Premio Caccuri nel 2012.

pino